Top News

RESI S.p.A | FAKE NEWS | Disinformazione tra Fact checking e debunking

È GUERRA ALLE FAKE NEWS E ALLA DISINFORMAZIONE

La disinformazione online rappresenta ormai un fenomeno globale che rimanda a una o più informazioni con supporto documentale pari allo zero, finalizzate a creare un’opinione diffusa su larga scala.

Le fake news corrono veloce sulla rete e sui social network, tra cui in particolare Facebook e Twitter. Su queste piattaforme, se si considerano le cosiddette information cascade (ossia catene di condivisioni interrotte), le notizie false sono dalle dieci alle venti volte più veloci di quelle vere e riescono a diffondersi con maggiore profondità.

Secondo alcuni ricercatori del MIT la notizia falsa acquisisce maggiore forza di penetrazione attraverso il web per due fattori che la portano ad essere più “popolare” di una corretta:

  • Il primo secondo il quale le fake news sembrano risultare più “nuove” ed originali di quelle vere. Lo studio afferma che le bufale online retwittate per la maggiore hanno in comune la caratteristica di essere molto diverse da tutti i tweet apparsi precedentemente sui singoli account;
  • Il secondo invece prende in considerazione il fatto che le fake news sanno far leva su emozioni forti e sono quindi in grado di suscitare maggiore sorpresa, curiosità, disgusto o spavento. Le bufale si ricollegano a temi gettonati fra l’opinione pubblica come la politica, la finanza, i disastri naturali e la scienza. Ecco perché si diffondono e diventano virali.

Fact checking e debunking: chi sono i cacciatori di bufale?

La task force che si occupa dello smascheramento della disinformazione online sono i fact checkers e debunkers. Questi non hanno l’obiettivo di garantire un’informazione migliore, bensì un’informazione certificata: il pubblico deve fare riferimento esclusivamente alle notizie che sono passate prima sotto l’attento controllo dei “professionisti dell’informazione”. Quando i fact-checkers segnalano un contenuto come falso, ne riducono la distribuzione in maniera tale da diminuire il numero di persone che lo ricevono. Nei casi più gravi di disinformazione, come quelli legati al Covid-19, ai vaccini o ancora all’ interferenza sulle elezioni, il contenuto viene direttamente rimosso.

L’ iniziativa Google

Nella Giornata Internazionale del Fact Checking che ricorre nel mese corrente, Google si pone due nuove sfide: la guerra alle fake news e il sostegno ai media che combattono la disinformazione. È stata infatti proprio la società stessa ad annunciare che contribuirà con 25 milioni di euro al Fondo europeo per i media e l’informazione.  Google, insieme ad Altroconsumo e Fondazione Mondo Digitale, ha messo a disposizione un Decalogo della buona informazione per contrastare le fake news. Tra gli strumenti più rilevanti l’azienda considera: la ricerca della fonte, consulto dei fact checker, controlli incrociati, verifica dell’affidabilità dell’immagine e identificazione del luogo.

Negli ultimi 12 mesi sono stati pubblicati oltre 50 mila fact check sulla ricerca Google che sono stati visualizzati circa 2,4 miliardi di volte (CorCom). Quest’ evidenza ci dimostra che nell’ era digitale diventa fondamentale un monitoraggio costante di ciò che viene pubblicato sui social, sul web e sui media in generale, per contrastare le fake news.

logo

S.S. Pontina km 44,044
04011 Aprilia LT

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

nb: leggi anche la nostra Privacy Policy

Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, dove vengono memorizzati per essere ritrasmessi agli stessi siti in occasione di visite successive.
I cookie sono utilizzati per diverse finalità, hanno caratteristiche diverse, e possono essere utilizzati sia dal titolare del sito che si sta visitando, sia da terze parti.
Tecnologie analoghe, come, per esempio, GIF trasparenti, web beacon e le diverse forme di storage locale HTML5, sono utilizzabili per raccogliere informazioni sul comportamento dell’utente e sull’utilizzo dei servizi.
Di seguito faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie simili utilizzando esclusivamente il termine "cookie”.A seguire troverai tutte le informazioni sui cookie installati attraverso questo sito, e le indicazioni necessarie su come gestire le tue preferenze riguardo ad essi.

Cookie utilizzati da questo sito

L’utilizzo di cookie da parte del titolare di questo sito, società RESI S.p.A. con sede Via Monticello, 7 – 04011 Aprilia (LT), si inquadra nella Privacy Policy dello stesso; per tutte le informazioni richieste dall’art. 13 Codice della Privacy clicca su Privacy Policy.
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Preferenze e ottimizzazione
Cookie relativi ad attività di salvataggio delle preferenze e ottimizzazione:
Preferenze lingua
Cookie permanente per mantenere la preferenza della lingua scelta.
Durata: 14 giorni
Etichetta: Lingua_sito
Attività necessarie funzionamento sito

Cookie relativi ad attività strettamente necessarie al funzionamento del sito e all’erogazione del servizio:
Cookie di sessione
Cookie temporaneo per memorizzare il session id del browser.
Durata: Temporaneo
Etichetta: Sid
Cookie gestiti da terze parti
Attraverso questo sito vengono installati anche cookie gestiti da terze parti.Troverai di seguito alcune indicazioni, e un link alla privacy policy e al modulo di consenso di ciascuna di esse. Per tutti potrai esprimere il tuo consenso anche proseguendo la navigazione o chiudendo questa finestra.

Statistica
I servizi contenuti nella presente sezione permettono al Titolare del Trattamento di monitorare e analizzare i dati di traffico e servono a tener traccia del comportamento dell’Utente.

Google Analytics con IP anonimizzato (Google Inc.)
Google Analytics è un servizio di analisi web fornito da Google Inc. ("Google”). Google utilizza i Dati Personali raccolti allo scopo di tracciare ed esaminare l’utilizzo di questa Applicazione, compilare report e condividerli con gli altri servizi sviluppati da Google. Google potrebbe utilizzare i Dati Personali per contestualizzare e personalizzare gli annunci del proprio network pubblicitario. Questa integrazione di Google Analytics rende anonimo il tuo indirizzo IP. L'anonimizzazione funziona abbreviando entro i confini degli Stati Membri dell'Unione Europea o in altri Paesi aderenti all'accordo sullo Spazio Economico Europeo l'indirizzo IP degli Utenti. Solo in casi eccezionali, l'indirizzo IP sarà inviato ai server di Google ed abbreviato all'interno degli Stati Uniti.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo trattamento: USA
Link privacy: http://www.google.com/intl/en/policies/privacy/
Link disattivazione: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it
Ricordati che puoi gestire le tue preferenze sui cookie anche attraverso il browser.
Se non conosci il tipo e la versione di browser che stai utilizzando, clicca su "Aiuto” nella finestra del browser in alto, da cui puoi accedere a tutte le informazioni necessarie. Se invece conosci il tuo browser clicca su quello che stai utilizzando per accedere alla pagina di gestione dei cookie.

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-us/windows-vista/block-or-allow-cookies

Google Chrome
https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it

Mozilla Firefox
http://support.mozilla.org/en-US/kb/Enabling%20and%20disabling%20cookies

Safari
http://www.apple.com/legal/privacy/

Follow Us

Soluzioni Commerciali

    Scopri